Amelia Ann Blanford Edwards

Dublin Core

Titolo

Amelia Ann Blanford Edwards

Descrizione

Amelia Ann Blanford Edwards nacque nel 1831 a Londra. La madre era irlandese, e il padre era un impiegato di banca nella City. Guadagnando uno stipendio modesto, sufficiente a sostenere la famiglia senza lussi. Ciò non di meno, Amelia ebbe un’educazione raffinata e ricevette un’istruzione eccellente, grazie alla madre. Amelia iniziò a scrivere fin da bambina. La sua prima poesia fu pubblicata quando aveva appena sette anni. A dodici anni, Amelia scriveva fluentemente e mostrava significative doti artistiche nei bozzetti che disegnava per illustrare le sue storie. Ha rotto un fidanzamento per sposarsi nel 1851 e ha deciso di guadagnarsi da vivere come scrittrice. Nello stesso anno ha iniziato a studiare l'italiano.
Il successo di Amelia si consacrò con la pubblicazione, nel 1855, del suo primo libro, My Brother’s Wife. I romanzi successivi uscirono a puntate sulle più diffuse riviste settimanali pubblicate da Dickens e altri. Autrice molto apprezzata, Amelia guadagnava abbastanza per sostentarsi e soddisfare il suo spirito avventuroso viaggiando in Europa, dove visitò Parigi, la Svizzera e l’Italia.
Nell'autunno del 1871, all'età di 40 anni, Amelia si recò all'estero per stare con amici a Firenze, l’inverno a Roma e la primavera del 1872 a Napoli. Mentre era a Salerno, Amelia incontrò una ricca donna inglese che chiamò "L" che viaggiava indipendentemente con la sua cameriera. Fanno presto amicizia e, per sfuggire alla calura estiva, si recano insieme al nord con l'intenzione di visitare la Svizzera. Si fermarono al confine, tra i laghi di Lugano e Como, dove decisero di cambiare programma e si diressero invece verso le Dolomiti.
In una società dominata dagli uomini, quando le donne erano soggette a rigide limitazioni e di rado viaggiavano non accompagnate, il comportamento di Amelia e Lucy era coraggioso e non convenzionale, il che non stupisce, considerando che si trattava di donne fuori dall’ordinario. Amelia e Lucy erano indipendenti, ricche, istruite e sicure di sé stesse; godevano della propria libertà con spirito avventuroso e un’elevata adattabilità al rischio.
Prima del 1872 le Dolomiti erano sconosciute ai più che abitavano al di là delle sue valli, a parte pochi alpinisti stranieri – e anche loro avevano appena iniziato ad esplorarne le vette, molte delle quali inviolate. Ma Amelia e "L" erano turisti, non alpinisti. Il viaggio era difficile, l'alloggio era limitato e ciò che Amelia e Lucy riuscirono a fare cavalcando all’Amazzone i muli, su e giù per ripidi versanti montuosi, e poi a piedi, indossando gonne lunghe fino alle caviglie, rappresentava una sfida più ardua rispetto a quelle che dovevano superare le loro controparti maschili. Al contempo, l’esperienza di Lizzie Tuckett, Susan Gilbert e Anna Churchill aveva dimostrato loro che queste imprese erano possibili. Anche così, Amelia e "L" sono diventate le prime pioniere indipendenti a visitare le Dolomiti e a scrivere di loro.
In quanto scrittrice professionista, Amelia aveva un motivo in più per documentare il viaggio e pubblicare un libro rivolto al pubblico generalista. Per fortuna, possiamo ancora apprezzare i suoi incredibili talenti di scrittrice capace di creare quadri con le parole, e di artista, i cui acquerelli realizzati durante il viaggio sono stati successivamente utilizzati per creare le incisioni che illustrano il suo libro Untrodden Peaks and Unfrequented Valleys (Cime Inviolate e Valli Sconociute), pubblicato per la prima volta nel 1873 e ancora in stampa.

Collezione

Citazione

“Amelia Ann Blanford Edwards,” Patrimonio - Museo Dolom.it, ultimo accesso il: 09 agosto 2022, https://patrimonio.museodolom.it/items/show/5722.

Formati di uscita